Lavat e st-nnut

I panni stesi fanno rima con chi li indossa, con le mani che li hanno lavati e appesi al vento. Poesia dei gesti quotidiani, del governo della casa, della storia che vestono.
Anime che asciugano al sole per rinnovarsi in passi e pose, per tornare sulla tavola o nel letto del candido riposo.
Disegnano bizzarre figure nel volteggio dai fili, con le mollette che li trattengono nel raggio di casa, come gioielli da custodire con cura.
Cupi o sgargianti, da lavoro o da festa, i panni lavat e st-nnut sono come l’album di famiglia, zeppo di foto e di ragioni di vita.

E qui, alla luce o al tramonto di Basilicata, dove lo spirito e la malia delle arcane cose della vita sono più forti che in ogni dove, li puoi trovare sui balconi o nei cortili come in piazza o lungo il corso. Di paese in paese, come una processione devota, come una mostra a cielo aperto. Più che fierezza, verità. Quella dell’essenziale che si svela in istinto. Più commovente e intensa di qualsiasi sublime verso: poesia della realtà, senza parole che la narrino bella.

Se vi state chiedendo come si concilia il costume con la buona creanza lucana siete lontani, assai, dalla linfa del cammino su questa terra).

Ringrazio Carlo Pastore per la fotografia di Pisticci, Rione Dirupo (MT).

di Irene Spagnuolo (irene-spagnuolo.blogspot.it/)

Mappa prossimi eventi in Basilicata

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza degli utenti. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.